#thedelaytime

È dell’attesa che non riesco a fare dimora.
La sensazione che tutto intorno a me sia incerto mentre la realtà è che vengo continuamente colpita da stimoli contraddittori.
Stimoli spontanei che mi fanno rabbrividire e passare da una piacevole fantasia onirica a porte consunte e cigolanti degne dell’inquietudine più grave. Estenuante la consapevolezza dell’abitudine con cui giocano le mie parti.
Sono insieme a me da quando non ne ho potuto fare a meno per sopravvivere, sono arrivate come imprudenti difensori della mia vulnerabilità e si sono legate alle mie debolezze invadendosi del timore di lasciarle indifese.
So che potrei farne a meno.
So che a volte, scoprendomi forte, ne ho fatto a meno.
Ma non sono incline a mostrarmi esposta e fragile se non riesco a tenere fermo il timone.
Se il vento sfugge al mio controllo e soffia incline ad un bisogno che io non riesco a definire.
Quindi chiedo aiuto alle loro braccia protettive e familiari che, sebbene solo per un attimo, mi riportano all’equilibrio innaturale di cui riconosco l’odore.
Lo so, è soltanto un reiterarsi di distanze e dolori, un ripetersi di abbracci ingannevoli e solitari.
Per accudirmi realmente dovrei rivelare loro l’esigenza del farsi da parte, del mettersi a lato, del lasciare fare a me.
Per accudirmi realmente dovrei attraversare la paura, la solitudine, la sensazione di inadeguatezza e sopravviverne.
Per accudirmi realmente.
Per potermi sentire in diritto di essere realmente accudita.
E poi sento il sapore salato di una lacrima di consapevolezza.

c.

2 thoughts on “#thedelaytime

Comments are closed.